fotovoltaicoIl Decreto Crescita 2019 (DL 34/2019), da poco convertito in legge, ha ufficialmente riaperto i termini per il super ammortamento al 130%.

A chi è destinato?
Il super ammortamento al 130% è destinato a soggetti titolari di reddito d’impresa e a professionisti con reddito di lavoro autonomo anche svolto in forma associata, residenti in Italia e con stabile organizzazione nel nostro paese.

Come funziona?
Il suo scopo è quello di incentivare gli investimenti in beni materiali strumentali da parte delle imprese italiane, attraverso la possibilità di aumentare del 30% il costo del bene acquistato.


Tale costo insieme all’incremento, deve poi essere ripartito in quote costanti annuali, secondo il coefficiente d’ammortamento della categoria alla quale appartiene il bene.
Il super ammortamento al 130% riguarda investimenti sostenuti dal 1° aprile al 31 dicembre 2019, oppure entro il 30 giugno 2020, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2019 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.
Il tetto massimo degli investimenti oggetto di super ammortamento è 2,5 milioni di euro, superato il quale l’agevolazione non spetta per la parte eccedente.

Super ammortamento per impianti fotovoltaici
Il super ammortamento al 130% riguarda anche gli impianti fotovoltaici e più in particolare i componenti mobili: pannelli fotovoltaici, inverter, sistemi di montaggio, …
Un’ottima notizia per le aziende italiane che stanno valutando l’investimento in un impianto fotovoltaico al servizio dei propri fabbisogni energetici.
L’incentivo fiscale del super ammortamento a 130% insieme al fotovoltaico permette di ridurre in maniera importante l’investimento e velocizzare i tempi di rientro.