Nov 20, 2019

You Are Here: Home / 20 Nov 2019

Case di paglia: costruzioni di bioedilizia dal basso impatto ambientale

Categories: Tags:

casedipagliaLe case di paglia sono costruzioni di bioedilizia dal basso impatto ambientale.

Progettate con materiali naturali, possono rivelarsi tanto moderne nel design quanto innovative negli impianti e sono in grado di soddisfare esigenze abitative di vario tipo.

Vere e proprie case ecologiche, le case di paglia consentono elevati standard abitativi sia in termini di comfort che di risparmio ed efficienza energetica.

Le case di paglia hanno quasi solo vantaggi e nessun particolare vincolo. Con le giuste accortezze in fase di progettazione, possono essere costruite in qualsiasi tipo di ambiente e possono adattarsi a qualsiasi situazione climatica.

Nate nell’Ottocento, in Italia le case di paglia sono state riscoperte solo recentemente. La paglia è divenuto un materiale edilizio a tutti gli effetti, adatto sia agli interventi di ristrutturazione che di progettazione di nuovi fabbricati.

read more →

È ammesso il cumulo tra le detrazioni

Categories: Tags:

L’azienda che installerà i pannelli solari presso la mia villetta ha accettato di applicarmi direttamente in fattura lo sconto, pari alla detrazione fiscale del 65%. Posso comunque utilizzare la capienza Irpef a disposizione per altre detrazioni fiscali, come per esempio una ristrutturazione edilizia?

È ammesso il cumulo tra le detrazioni del 50% per spese di ristrutturazione e per quelle del 65% per risparmio energetico, anche sotto forma di sconto in fattura, a condizione che si tengano distinte le spese tra le due detrazioni (bonifici di pagamento e fatturazione delle spese separate), in modo da consentire di verificare l’imputazione a una o all’altra delle due detrazioni.
Lo sconto in fattura del 65% verrà rimborsato all’impresa sotto forma di credito d’imposta e recuperato mediante compensazione (tramite F24) in cinque quote annuali di pari importo.
La detrazione del 50% per ristrutturazione, verrà recuperata dal suo credito IRPEF, in dieci anni, in sede di dichiarazione dei redditi.