Diagnosi Energetica

auditenergetico_business

Uno strumento di efficienza energetica

Laudit energetico consente di individuare gli interventi economicamente sostenibili che possono migliorare l’efficienza energetica di un’attività e che quindi possono garantire una migliore gestione dell’energia e riduzione dei costi fissi di gestione.

È un’opportunità per le aziende che vogliono ridurre i costi, abbassare i consumi energetici, riducendo i costi per l’energia e certificando il risparmio ottenuto.

Inoltre, il Decreto Legislativo n. 102/2014 di attuazione della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, entrato in vigore il 19 luglio, ha introdotto l’obbligo per le grandi imprese e le imprese a forte consumo di energia di effettuare un audit energetico entro il 5 dicembre 2015 e successivamente ogni 4 anni.

Imprese interessate

Rientrano tra le Grandi Imprese o tra le imprese energivore quelle che soddisfano i seguenti requisiti:

  • Grandi imprese ovvero imprese che occupano più di 250 persone, il cui fatturato annuo supera i 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio annuo supera i 43 milioni di euro.
  • Imprese energivore, a forte consumo di energia ovvero imprese che nell’annualità di riferimento si sono verificate le seguenti condizioni:
    – abbiano utilizzato, per lo svolgimento della propria attività, almeno 2,4 GWh di energia elettrica oppure almeno 2,4 GWh di energia diversa dall’elettrica
    – il rapporto tra il costo effettivo del quantitativo complessivo dell’energia utilizzata per lo svolgimento della propria attività, determinato ai sensi dell’art. 4, e il valore del fatturato, determinato ai sensi dell’art. 5, non sia risultato inferiore al 3%.

Imprese esonerate

  • Grandi imprese con sistema EMAS, ISO 50001 E ISO 14001 che abbiamo già realizzato l’audit/diagnosi energetiche;
  • Piccole e medie imprese, non energivore, sono escluse dall’obbligo di eseguire la diagnosi energetica ma sono comunque incentivate, attraverso finanziamenti regionali, ad adottare tale indagine oppure ad adottare un sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001

Le sanzioni

Le grandi imprese e le imprese a forte consumo energetico che non effettueranno l’audit entro la data prevista dal Decreto saranno soggette ad una sanzione amministrativa pecuniaria da 4.000 a 40.000 euro.

Nel caso in cui la diagnosi non sia effettuata in conformità alle prescrizioni di cui all’Art. 8 la sanzione sarà dai 2.000 ai 20.000 euro.

A chi rivolgersi

Riguardo alla diagnosi/audit energetico, per le imprese obbligate, dovrà essere condotta da società di servizi energetici, esperti in gestione dell’energia o auditor energetici ed i risultati di tali audit dovranno essere comunicati all’ENEA che li verificherà e ne curerà la conservazione.

Decorsi 24 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto, gli audit potranno essere eseguiti solo da soggetti certificati in base alle norme UNI CEI 11352 (ESCo) e UNI CEI 11339 (Esperti in gestione dell’energia).

Cosa può fare ING per voi?

Ing srl è una società di consulenza per l’energia in Italia e opera nel campo dell’efficienza energetica con uno staff di 20 professionisti qualificati e al proprio interno disponde di Esperti Gestione Energia certificati UNI CEI 11339.

Ing srl offre un servizio con standard elevati che garantisce la validità degli audit energetici anche decorsi i 24 mesi di cui sopra.

Contattateci per ulteriori informazioni, se pensate di rientrare nei criteri sopra elencati o se volete sottoporre ad audit energetico volontariamente per poter usufruire degli incentivi messi a disposizione dallo Stato, sapremo guidarvi in questo percorso con professionalità e competenza.

Chiama +39.035.335813

Se preferisci puoi scriverci a info@ingsrl.it