News

You Are Here: Home / Archives / Category / News

Prestito Investimenti Conto Termico (PICT)

Categories: Tags:

Prestito Investimenti Conto Termico (PICT)A partire dal 7 giugno 2019 è disponibile il Prestito Investimenti Conto Termico (PICT), una nuova linea di finanziamento a lungo termine proposta da Cassa Depositi e Prestiti (Circolare. CDP n. 1280/2013), rivolta a Comuni, Province e Città metropolitane, beneficiari dell’incentivo concesso dal GSE a valere sulle risorse del Conto Termico.

L’obiettivo è quello di accelerare la realizzazione degli interventi di efficientamento energetico che hanno ottenuto la concessione degli incentivi da parte del GSE a valere sul Conto Termico, il meccanismo incentivante che mette a disposizione della PA 200 milioni di euro l’anno per interventi di riqualificazione energetica su edifici pubblici.

La nuova linea di finanziamento a lungo termine anticipa le risorse messe a disposizione dal GSE e fornisce completa copertura finanziaria dei progetti.

Una volta incassato l’incentivo del GSE, l’ente locale provvede al rimborso anticipato della corrispondente quota del PICT, senza alcun onere aggiuntivo.

Lo strumento “è disegnato al fine di offrire una soluzione innovativa che, da un lato, aiuti gli enti locali nella realizzazione dei propri progetti e, dall’altro, stimoli la realizzazione di progetti di transizione energetica anche nella PA, coerentemente con il nuovo approccio strategico e operativo delineato dal Piano industriale di Cdp fortemente orientato ai principi di sviluppo sostenibile”, rimarca la nota.

A chi è rivolto
Comuni, Città Metropolitane e Province beneficiari dell’incentivo concesso dal GSE con la modalità “a prenotazione” (Contributo) ed erogato a valere sulle risorse del Conto Termico.

Come funziona
L’Ente beneficiario del Contributo può richiedere il Prestito Investimenti Conto Termico.
La somma finanziata verrà erogata sulla base dei documenti giustificativi della spesa e dovrà essere obbligatoriamente rimborsata al momento dell’incasso del Contributo del GSE, senza alcun onere aggiuntivo a carico dell’Ente.
In caso di mancata concessione del Contributo, il prestito resterà in essere per continuare a garantire copertura finanziaria all’investimento.
L’eventuale inizio del periodo di ammortamento può essere anticipato qualora l’investimento sia stato completamente realizzato e la quota residuale a carico dell’Ente verrà rimborsata in massimo 40 rate semestrali.

Super ammortamento 2019: incentivi fotovoltaico per le imprese

Categories: Tags:

fotovoltaicoIl Decreto Crescita 2019 (DL 34/2019), da poco convertito in legge, ha ufficialmente riaperto i termini per il super ammortamento al 130%.

A chi è destinato?
Il super ammortamento al 130% è destinato a soggetti titolari di reddito d’impresa e a professionisti con reddito di lavoro autonomo anche svolto in forma associata, residenti in Italia e con stabile organizzazione nel nostro paese.

Come funziona?
Il suo scopo è quello di incentivare gli investimenti in beni materiali strumentali da parte delle imprese italiane, attraverso la possibilità di aumentare del 30% il costo del bene acquistato.

read more →

Project Sunroof: Google mappa il potenziale dei pannelli solari

Categories: Tags:

Project SunroofCon Project Sunroof, il progetto dedicato all’energia rinnovabile, Google è in grado di dirti quando e dove conviene installare i pannelli solari.

Tramite i dati di Google Maps, come quelli relativi alla posizione della casa, alla conformazione 3D del tetto ed alle registrazioni meteorologiche annuali, la piattaforma Project Sunroof è in grado di calcolare la convenienza all’installazione dei pannelli solari e quantificare il risparmio in bolletta.

read more →

Sonnenschiff a Friburgo, un intero quartiere fotovoltaico

Categories: Tags:

quartiere fotovoltaicoA Friburgo, città sostenibile e capitale ecologica della Germania, esiste un quartiere che produce energia quattro volte in più rispetto a quella che consuma, grazie all’ottimizzazione dell’efficienza energetica e all’uso consistente di pannelli fotovoltaici.

È il quartiere di Sonnenschiff, progettato dalla Rolf Dish Solar Architektur, fra il 2003 e il 2006.

Composto da 58 case a schiera immerse nel verde, costruite con materiali ecologici e riciclabili, l‘intero quartiere è alimentato da sistemi fotovoltaici.

Le residenze si sviluppano su due piani fuori terra, più un locale mansardato che da l’accesso al terrazzo sul lato nord. I locali “caldi” sono stati posti sul lato sud, lasciando a nord la cucina e i servizi; il piano terra, un open space, ospita il soggiorno con diretto accesso al giardino, mentre, al primo piano, si trovano le camere. All’ultimo piano, nel sotto tetto, alcuni hanno pensato ad uno spazioso studio da più di 20 m2, adattabile a stanza per gli ospiti.

La particolare sezione è studiata per favorire i guadagni solari durante l’inverno e proteggere la facciata durante l’estate. La copertura e il balcone al primo piano funzionano da schermatura fissa.

Le case possiedono un isolamento termico molto efficiente ed un impianto di ventilazione che consente di riscaldare l’aria fredda invernale con quella calda dell’aria esausta.

Il sistema costruttivo delle case consiste in telai di legno, mentre la facciata a sud è completamente vetrata. Le coperture, esposte verso sud, sono interamente ricoperte da pannelli fotovoltaici, con una capacità di generazione di energia elettrica di 445 kWp.

Il quartiere, oltre alle residenze, ospita parcheggi, negozi, uffici… È, inoltre, dotato di ampi spazi aperti e caratterizzato da percorsi interni privi di automobili; in bicicletta, il centro città è raggiungibile in soli 10 minuti e chi tra i suoi abitanti vuole usare l’auto può partecipare al car sharing, che comprende 20 veicoli a disposizione di 20 famiglie e due pulmini elettrici.

Arriva mOOve, la pista ciclabile del futuro

Categories: Tags:

mOOveDa una start up tutta italiana, nasce mOOve, una pista ciclabile prefabbricata, modulare, intelligente e green, realizzata con materiali riciclati, e adatta a qualsiasi tipologia di terreno.

Il progetto ha vinto la seconda edizione di IDEA (Innovation Dream Engineering Award), il concorso dedicato a startupper e innovatori, riservato a progetti imprenditoriali innovativi connessi alle tematiche di smartliving, domotica e biotecnologie da implementare nelle smart cities.

Quello della bici è un tema sempre più centrale per le amministrazioni comunali. Diventa, pertanto, indispensabile dotare le città di piste ciclabili sicure, che incentivino il cittadino a optare per la mobilità leggera.

read more →

Reddito energetico, novità in arrivo

Categories: Tags:
Pannelli fotovoltaici installati su tetto casa
Pannelli fotovoltaici installati su tetto casa

Pannelli fotovoltaici installati su tetto

La Puglia è la prima Regione d’ Italia a dotarsi di una legge per il reddito energetico. Una innovazione sociale particolarmente originale: un fondo pubblico permette l’installazione di moduli fotovoltaici sui tetti delle famiglie meno abbienti che così possono risparmiare sulle forniture elettriche.

Come funziona

La misura prevede l’ accesso a contributi da parte dell’ Ente Locale, in questo caso la Regione , per la realizzazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle abitazioni, partendo dalle persone con redditi più bassi.

La misura prevede la concessione di contributi da parte della Regione per l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle abitazioni. Si partirà dalle famiglie con i redditi più bassi. L’utente dovrà sottoscriverà una convenzione con il Gse, che ha come mission la promozione dello sviluppo sostenibile e l’utilizzo razionale dell’energia.

Su questi impianti si dovrà attivare la convenzione per lo scambio sul posto in modo da consentire sia di beneficiare dell’ autoconsumo sia del meccanismo premiante dedicato ai piccoli impianti sull’ energia immessa in rete. Quest’ ultimo verrà poi ceduto alla Regione per coprire parte del costo sostenuto.

Al privato rimane tutta l’ energia generata che riesce ad autoconsumare.

“Non solo daremo un sostegno alle famiglie in difficoltà – ha spiegato Trevisi – ma contribuiremo anche ad abbattere le emissioni atmosferiche attraverso il progressivo incremento della produzione d’energia elettrica da fonti rinnovabili”.

read more →

Milano4You, riparte il progetto per la prima smart city italiana

Categories: Tags:

maxresdefaultMilano4you, la prima smart city italiana è ormai realtà, e sarà a Segrate, precisamente nel quartiere della Boffalora.

Il concept innovativo coniuga tecnologia digitale, efficienza energetica e progetto architettonico e sarà sviluppato a cura di Vegagest SGR SPA, gestore del fondo Aster proprietario dell’area, RED SRL e Sei Oltre.

Milano4you è un’area di 300 mila metri quadri su cui verrà realizzato uno smart district da circa 90 mila metri quadri, immerso in 80 mila metri quadri di parco.

L’obiettivo è creare la prima città nativa digitale, una vera e propria comunità, un distretto residenziale attivo in tutte le ore della giornata, con benefici in termini di sicurezza, partecipazione ed inclusione sociale.

read more →

Fotovoltaico detrazioni Irpef a rischio senza invio all’ENEA della documentazione

Categories: Tags:

fotovoltaicocomunicazioneeneaL’Ing. Gabriele Ghilardi su eco.bergamo parla del fotovoltaico per privati e delle detrazioni Irpef del 50% a rischio per chi non provvede a mettersi in regola con le nuove disposizioni.

Dal 2019 scatteranno i primi invii telematici all’Enea con le informazioni sugli interventi terminati nel 2018 che accedono alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

Non è una corsa contro il tempo, ma se non si fa più che attenzione e non si provvede a mettersi in regola si rischia di perdere la
detrazione fiscale Irpef del 50%.

Non è troppo tardi, ma non c’è tanto da aspettare ancora visto che comunque, proprio perché le nuove disposizioni su come
provvedere a questo nuovo adempimento erano attese da almeno un anno, ora la nuova legge di Bilancio precisa tutto.

Il nuovo termine per comunicare all’Enea tutti i dati relativi all’intervento eseguito, è stato fissato al 19 febbraio 2019 per gli interventi la cui data di fine lavori (collaudo) è compresa tra il 01/01/2018 e l’21/11/2018.

Per tutti gli altri interventi l’invio della documentazione all’Enea deve avvenire entro il termine di 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo.

Per approfondire consulta l’articolo completo pubblicato su eco.bergamo – Dicembre 2018

Detrazioni fiscali ed ecobonus 2019

Categories: Tags:

ecobonus 2019La Legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n. 145, pubblicata sulla G.U. Serie Generale n. 302 del 31 dicembre 2018) ha prorogato al 31 dicembre 2019 le detrazioni al 65% per riqualificazione energetica degli edifici, le detrazioni al 50% per impianti di climatizzazione invernale, per gli interventi di ristrutturazione edilizia, per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici.

Inoltre, è stata prorogata per il 2019 la detrazione Irpef del 36% per gli interventi, con valore massimo di Euro 5.000, di sistemazione di giardini e terrazzi (bonus verde).

read more →

Energia solare: in Nevada c’è un impianto che produce energia 24h su 24

Categories: Tags:

Crescent Dunes Energia solareSi tratta della centrale Crescent Dunes, un impianto in grado di generare energia per 75mila abitazioni in qualunque condizione metereologica, senza dipendere dalla luce del sole a disposizione.

Qui un enorme distesa di specchi fotovoltaici si dirama da una torre centrale alta circa 200 metri, all’interno della quale le temperature arrivano sino a 600 gradi.

L’energia termica prodotta può essere accumulata grazie a dei materiali particolari, chiamati vettori termici, che permettono di immagazzinare calore o rilasciarlo, per generare energia elettrica tutte le volte che la rete lo richiede.

Kevin Smith, Ceo della società SolarReserve che ha realizzato l’impianto, ha deciso di investire nell’energiasolare termodinamica per non essere schiavo dei problemi che affliggono i classici impianti fotovoltaici. “Il punto non è tanto far conoscere al pubblico le virtù del solare a concentrazione – afferma Smith – quanto far passare il messaggio secondo cui, in termini di efficienza, tra pannelli solari e impianti termici non c’è confronto. Chi crede troppo nel potenziale delle batterie sarà costretto a ricredersi. Del resto, si può immagazzinare più energia con CrescentDunes che mettendo insieme tutte le batterie al momento disponibili sul mercato”.

Se si vogliono minimizzare i costi, però, le strutture di Solar Reserve hanno bisogno di spazi enormi. Al momento, infatti, solo le grandi dimensioni possono aiutare a ridurre il costo dell’energia prodotta dall’impianto e quindi a rendere l’impianto competitivo sul piano dei costi.

L’azienda italiana Turboden ha deciso pertento di fare una scelta opposta, investendo sul termodinamico su scala ridotta.