detrazioni fiscali

You Are Here: Home / Archives / Tag / detrazioni fiscali

Detrazioni fiscali e Conto termico

Categories: Tags:

Buongiorno, potreste spiegarmi in breve la differenza tra detrazioni fiscali e Conto termico?

Le detrazioni fiscali fino al 65% sono lo strumento che permette di rientrare di una percentuale dell’investimento sostenuto per un determinato intervento attraverso la dichiarazione dei redditi (detrazione IRPEF). La detrazione viene restituita in 10 quote annuali di pari importo. Essendo legata alle disposizioni delle leggi Finanziarie, la detrazione fiscale e la sue percentuali di rimborso vengono stabilite anno per anno.

Il Conto Termico incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (pompa di calore, caldaie e stufe a biomasse, solare termico, scalda acqua a pompa di calore, …). Il Conto Termico prevede incentivi che variano dal 40% al 65% della spesa sostenuta.
Gli incentivi sono corrisposti dal GSE nella forma di rate annuali costanti della durata compresa tra 2 e 5 anni, a seconda della tipologia di intervento e della sua dimensione, oppure in un’unica soluzione, se l’importo del beneficio complessivamente riconosciuto non supera i 5.000 euro (modalità accesso diretto per privati).

Bonus mobili ed elettrodomestici

Categories:

Se le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici sono sostenute prima di quelle per la ristrutturazione, è possibile usufruire del bonus mobili?

Sì, a condizione che siano stati già avviati i lavori di ristrutturazione dell’immobile cui questi beni sono destinati.

In altri termini, la data di inizio lavori deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, ma non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’abitazione.

Detrazioni fiscali in caso di vendita appartamento

Categories:

Buongiorno,
4 anni fa ho ristrutturato il mio appartamento. Se lo dovessi vendere, perderei le detrazioni?

La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Nei casi in cui l’immobile venga venduto prima dei 10 anni le quote residue delle detrazioni fiscali si trasferiscono automaticamente all’acquirente, a meno che non ci sia un accordo diverso tra le parti, da segnalare nel rogito.

Detrazioni fiscali locatario

Categories:

Se sostengo delle spese di ristrutturazione nell’appartamento in cui sono in affitto, ho comunque diritto alle detrazioni? E nel caso, se dovessi cambiare casa prima dei 10 anni, perderei le detrazioni?

La detrazione spetta a colui che sostiene la spesa, quindi, non solo ai proprietari degli immobili, ma anche ai locatari, qualora sostengano le spese.

Inoltre, va ricordato che ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o conduttore dell’immobile su cui sono eseguiti i lavori ha diritto, se sostiene la spesa e i bonifici e le fatture sono a lui intestate.

La cessazione dello stato di locazione non fa venire meno il diritto alla detrazione per l’inquilino che ha eseguito e pagato i lavori.

Detrazioni fiscali convivente more uxorio

Categories: Tags:

Buongiorno,
il convivente more uxorio ha diritto alla detrazione IRPEF?

Per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016, la detrazione Irpef relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio (articolo 16-bis, Tuir) spetta anche al convivente more uxorio del possessore o detentore dell’immobile, anche in assenza di un contratto di comodato.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate in risposta alla domanda di un contribuente.
La disponibilità dell’immobile da parte del convivente risulta, infatti, insita nella convivenza che si esplica ai sensi della legge 76/2016 (“legge Cirinnà”), spiega l’Agenzia delle Entrate.

Ne consegue che il convivente more uxorio che sostiene le spese ha diritto a fruire della detrazione al pari dei familiari conviventi e può beneficiare della detrazione anche per le spese sostenute per interventi effettuati su una delle abitazioni nelle quali si esplica il rapporto di convivenza, anche se diversa dall’abitazione principale della coppia.

Detrazioni installazione pompa di calore

Categories: Tags:

Buonasera, vorrei istallare un paio di climatizzatori a pompa di calore (A+++ per refrigerare / A++ per riscaldare) nel mio appartamento, attualmente sprovvisto di riscaldamento.
1) Ho diritto a richiedere la detrazione fiscale?

2) quali documenti devo produrre e conservare in caso di controllo?
3) a quale imposizione fiscale sono sottoposti tali beni che acquisterò via internet?
4) quale sarà invece l’IVA che mi applicherà l’istallatore?
Grazie del supporto che mi darete.

Buongiorno, abbiamo visto la vostra richiesta e rispondiamo per singolo punto

1) Trattandosi di edificio privo di impianto di riscaldamento, per poterlo climatizzare nuovamente è necessario procedere con le normali pratiche autorizzative come se l’ abitazione fosse nuova o da sottoporre a ristrutturazioni rilevanti (rif.dlgs 28/2011)
2) fattura, bonifico, titolo edilizio, legge 10
3) potrà acquistare i beni con l’IVA al 22%
4) l’istallatore applicherà l’IVA al 10% per la manodopera e minuterie.

Allego utile guida al seguente link

Rimaniamo a disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordiali saluti.

Detrazioni fiscali ed ecobonus 2019

Categories: Tags:

ecobonus 2019La Legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n. 145, pubblicata sulla G.U. Serie Generale n. 302 del 31 dicembre 2018) ha prorogato al 31 dicembre 2019 le detrazioni al 65% per riqualificazione energetica degli edifici, le detrazioni al 50% per impianti di climatizzazione invernale, per gli interventi di ristrutturazione edilizia, per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici.

Inoltre, è stata prorogata per il 2019 la detrazione Irpef del 36% per gli interventi, con valore massimo di Euro 5.000, di sistemazione di giardini e terrazzi (bonus verde).

read more →

Comunicazione ENEA spese da sostenere

Categories: Tags:

Buongiorno,
ho effettuato presso la mia villetta interventi di riqualificazione energetica, per i quali l’impresa esecutrice mi ha rilasciato la comunicazione di fine lavori.
Il saldo delle spese, come da contratto, verrà effettuato più avanti. Nella comunicazione da trasmettere all’ENEA posso indicare anche le spese da sostenersi o solo quelle già sostenute?

La comunicazione telematica all’ENEA deve essere effettuata entro 90 giorni solari dal termine dei lavori.

Nella richiesta di detrazione si possano riportare sia tutte le spese già sostenute, che quelle da sostenersi.

Qualora, ad una successiva verifica l’importo finale dei lavori dovesse variare rispetto all’importo riportato nella documentazione trasmessa, si ricorda che la pratica può essere riaperta e modificata entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno di fine dei lavori.

Per quanto riguarda il recupero delle spese sostenute, vige il criterio di cassa, e quindi quanto pagato in un determinato anno potrà iniziare ad essere portato in detrazione con la denuncia dei redditi dell’anno successivo.

Detrazione fiscale a cavallo tra due anni

Categories: Tags:

Buongiorno,
stiamo eseguendo presso la nostra abitazione lavori di ristrutturazione e risparmio energetico, parte dei quali verranno eseguiti l’anno prossimo. Dobbiamo fare qualche comunicazione? E come funzionano le detrazioni fiscali?

Fino a dicembre 2014 era previsto per le detrazioni sul risparmio energetico l’invio del modello IRE all’Agenzia delle Entrate, con il quale si comunicava l’esistenza di lavori e pagamenti a cavallo di due anni consecutivi.
Attualmente non è necessario inviare alcuna comunicazione.
Ai fini delle detrazioni fiscali, siano esse per le ristrutturazioni edilizie o per il risparmio energetico, vige il criterio di cassa.
Si dovranno separare le spese effettuate nel primo anno dei lavori dalle spese dell’anno successivo. Le prime potranno essere portate in detrazione già a partire dalla prima dichiarazione dei redditi utile, mentre le seconde slitteranno alla dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.
Infine ricordiamo come adempimento burocratico la comunicazione all’ENEA per i lavori per il risparmio energetico, da effettuarsi una sola vola entro 90 giorni dalla data di fine lavori.

CASA? CONVIENE!: la guida del Mef alle detrazioni sui lavori e bonus fiscali

Categories: Tags:

guida del Mef alle detrazioni CASA? CONVIENE!, è la guida realizzata dal MEF, Ministero dell’economia e delle Finanze, per promuovere la massima diffusione delle informazioni sui bonus e i fondi pubblici per la casa previsti dalla legge.

La legge di Bilancio 2018 ha riconfermato le detrazioni per gli interventi di ristrutturazione, di riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus) e di messa in sicurezza degli immobili (Sisma bonus).

Tra le novità la detrazione Irpef per la sistemazione a verde di aree scoperte private e di parti comuni esterne di edifici condominiali (Bonus verde) e la detrazione per chi esegue congiuntamente interventi di riqualificazione energetica e di prevenzione antisismica.

Oltre ai bonus fiscali, sono previsti altri strumenti agevolativi: grazie ai Fondi pubblici è più facile ottenere un mutuo (con le garanzie statali per metà dell’importo ) o sospendere il pagamento delle rate nel caso di una temporanea difficoltà economica (accedendo al Fondo Mef di solidarietà).